Warning: Illegal string offset 'detectBots' in /nfs/c04/h07/mnt/62785/domains/ideavino.net/html/wp-content/plugins/simple-ads-manager/widget.class.php on line 27

Warning: Illegal string offset 'detectBots' in /nfs/c04/h07/mnt/62785/domains/ideavino.net/html/wp-content/plugins/simple-ads-manager/widget.class.php on line 166

Warning: Illegal string offset 'detectBots' in /nfs/c04/h07/mnt/62785/domains/ideavino.net/html/wp-content/plugins/simple-ads-manager/widget.class.php on line 305

Warning: Illegal string offset 'detectBots' in /nfs/c04/h07/mnt/62785/domains/ideavino.net/html/wp-content/plugins/simple-ads-manager/widget.class.php on line 444
HenableZTL: un’applicazione che migliora la qualità del tempo di chi viaggia con difficoltà | Idea Viaggi

HenableZTL: un’applicazione che migliora la qualità del tempo di chi viaggia con difficoltà

di

henable

il 31 luglio ho avuto la fortuna di incrociare il tour nazionale Henable. Ferdinando Acerbi e Valeria Spinello mi hanno raccontato qualcosa di prezioso, che coniuga etica e tecnologia digitale. In questo caso si tratta di un applicazione per smartphone che migliora la vita di chi ha difficoltà a muoversi, come disabili o donne incinte, ad esempio. Se poi il tour viaggia su un auto elettrica per promuovere il rispetto dell’ambiente tutto mi piace ancora di più! Ecco che cosa si è inventato Ferdinando Acerbi.

HenableRIMINI.001 (1)

Ferdinando Acerbi è, e lo è sempre stato, un sportivo di quelli determinati, quelli che si impegnano, quelli che non mollano.

E dopo una vita passata a cavallo, gareggiando a livelli olimpionici, arriva il momento dell’acqua e diventa istruttore subacqueo.  Durante il soccorso sott’acqua di un corsista preso da un infarto, l’ascesa troppo veloce gli gioca un brutto scherzo: un’embolia gli comprime il midollo e rimane paralizzato dalla vita in giù. La meravigliosa storia del recupero miracoloso e inspiegabile la lascio raccontare a lui (spero un giorno scriva un libro). Infatti si intestardisce, il dottor Longobardi di Ravenna lo cura nella camera iperbarica e dalla carrozzina egli oggi si sposta con il bastone.

“Sono abituato, essendo sportivo, a guardare dritto verso gli obiettivi, l’allenamento costante giornaliero e la determinazione mi fanno stare, oggi, sulle mie gambe. Ci sono due modi per affrontare la disabilità: uno è quello di lamentarsi e lasciarsi andare, l’altro è quello di migliorare il migliorabile. E la tecnologia può fare molto in questo senso”.

Prima di arrivare all’applicazione per  smarphone Henable, facciamo un passo indietro. Per prima cosa Ferdinando e Valeria mi raccontano che il cuore del progetto è un portale: http://henable.me/ . Il sottotitolo dice tutto: soluzioni digitali a problemi concreti.

Il portale è sostanzialmente un crowdsourcing di idee, notizie, un blog informativo sul mondo della disabilità.

Da questo “calderone” di situazioni e dall’ esperienza vissuta in prima persona da Ferdinando (e dalle sue esigenze) è nata l’applicazione Henable.

Facciamo una premessa: i disabili, ma in generale le persone con una ridotta mobilità (ad esempio donne incinte, infortunati, anziani…) per procedere in auto in una Zona a Traffico Limitato (ZTL)  devono svolgere alcune procedure. Diversa è la situazione quando si viaggia a casa propria, dove la targa è registrata in comune e le telecamere non ti inviano multe salate a casa. Ma, se ad esempio il Ferdi, che faceva il rappresentante di commercio, doveva visitare 5 comuni in un giorno, doveva:

- scrivere una mail all’ente preposto di ogni comune dove doveva lavorare;

- mandare i documenti necessari scannerizzati;

- attendere la ricevuta di ritorno per la comprovata richiesta.

Tutto ciò significa che una pianificazione oculata, e forti  difficoltà a cambiare programma all’ultimo momento. Se nevicava e dove cambiare l’itinerario, doveva ricominciare tutto da capo.

L’applicazione Henable fa fare tutto questo in tempo reale. In tre click si manda tutto il necessario agli enti preposti che sono già registrati con indirizzi mail e quant’altro nel data base dell’applicazione. Tre click e un disabile può viaggiare dove vuole e in tutte le zone a traffico limitato del Paese. Il tutto con € 3,50 per un anno (questo è il costo dell’app, scaricabile su IOS e Android, e in un prossimo futuro anche su Black Barry e Windows).

Non c’è da stupirsi se anche Vodafone si sia interessata al progetto.

La user experience di chi viaggia cambia notevolmente: ma non quella dei Comuni! Le amministrazioni si ritrovano uno strumento efficace alle quali il mondo Henable chiede solo di diffonderne l’utilità.

E’ così che nasce l’ Henable road tour. “Come potevo comunicare l’utilità dell’applicazione? Cosa avrei potuto fare? Era  il dialogo con le istituzioni che mi interessava – racconta il Ferdi -. E cosa di c’è di meglio che un tour social-condiviso che va a comunicare direttamente con gli organi comunali?”.

A proposito di tematiche etiche e d’avanguardia, qualcun’altro si appassiona al progetto. La concessionaria Renault  Boldrin di Rovigo fornisce una vettura (Renault Fluence completamente elettrica) per il tour in giro per l’Italia.

Sono stata colpita dalla grande attenzione che l’assessore alle politiche sociali di Rimini Irina Imola e che l’addetto alla comunicazione Mauro Ferri hanno dedicato al progetto. Grazie anche da parte mia.

Concludo con una grande certezza: la tecnologia, se usata con cognizione di causa, migliora la vita. E anche con una grande soddisfazione: conoscere Valeria e Ferdinando mi ha donato entusiasmo e fiducia nel futuro.

Spero solo sia la prima delle tante “diavolerie” per #digitalmenteabili che possano migliorare la qualità della vita in situazioni di difficoltà.

larahenable

Ciao Valeria! Ciao Ferdinado! A presto!

Lara

 

 

Commenta l'articolo